Skip to content

Le strade di Milano


Time at work – Sara Moon | Come le vecchie polaroid mostrano il tempo che passa

Time at work – Sara Moon | Come le vecchie polaroid mostrano il tempo che passa

Certo, sono un po’ in ritardo per consigliarti di andare a vedere questa mostra (chiude il 6.1.2019), ma allo stesso tempo è una da non perdere e perfetta per le vacanze di Natale. Quindi, se non l’hai ancora vista, è sicuramente un “go”.

Lonnie


Fondazione Sozzani | Fino a gennaio 6
Corso Como 10

Lu – Ve | 10.30 – 19.30
Me – Gio | 10.30 – 21

Ingresso libero
Sabato, Domenica, giorni festivi €5 & €3 studenti (6-26 anni)


Milano celebra l’artista e fotografa Sarah Moon – è scritto nei comunicati stampa – con 2 mostre simultanee presso Fondazione Sozzani e Armani / Silos. Sono andata a vedere solo la Fondazione Sozzani (10 Corso Como) perché non sono un’amante della moda e ho un problema personale con il signor Giorgio Armani! In nessun modo sponsorizzerò il suo museo! Ma questa è una storia diversa. Offrimi una birra e probabilmente parlerò 😉

Il legame tra Sara, Milano e la moda è ovvio, anche dai luoghi scelti. Sara è una fotografa contemporanea diventata famosa come fotografa di moda. Per la mostra al piano superiore di 10 Corso Como, ha scelto una selezione di 90 foto da un mucchio di vecchie polaroid che ha trovato per caso. Fortemente influenzate dal tempo (quindi – time at work), la qualità è diminuita e le immagini sono diventate vaghe e sognanti. A volte è difficile riconoscere che cavolo sta accadendo: – “un elefante e un uomo che giocano a nascondino (?)” – senza contesto non c’è modo di sapere cosa è successo. Ma quando puoi vedere veramente cosa sta succedendo in una foto? Vedi solo un’istantanea dell’intera storia.

Lo stile di Sara Moon è misterioso e narrativo. Alcune immagini sembrano dipinti che qualcuno cercava di cancellare, eliminando la storia dietro di loro. Per sostenere l’effetto misterioso, la mostra ha un sottofondo di musica soft che ti fa sognare ancora di più. Time at work mi ha fatto immaginare un passato e delle storie che non erano mie, ma mie da interpretare.

Moon la chiama “la storia del tempo che passa”. Bene. Qual’è il momento migliore per andare a vedere il tempo che passa, se non alla fine dell’anno vecchio …..in attesa del nuovo?  

Attenzione, l’atterraggio nella realtà può essere un po ‘difficile….

 


All images © 2018 Diana Misca