Skip to content

Le strade di Milano


L’altro lato di Porta Venezia

L’altro lato di Porta Venezia

Autentico, accogliente, economico…e sempre strapieno!
‘Baretto’ per eccellenza, il Picchio se ne frega delle mode e delle tendenze: il locale alternativo che non ti aspetti nella super-trendy porta Venezia.

Dora & Francesco


Bar Picchio

Via Melzo 11 | Milano
Tel 02 29531433

Lunedì | Sabato 7:00 – 00:00

Costo €

Tre ragioni per cui ci piace il Bar Picchio

  1. Le fototessere al bancone
  2. Le birrette in bottiglia
  3. Il mare di gente

Se passando di sera in via Melzo di punto in bianco vi trovate nel bel mezzo di una folla allegra e rumorosa che occupa tutto il marciapiede (se non addirittura tutta la strada)…non c’è nessun dubbio, siete arrivati al Picchio.  

Di certo non è il solito locale ‘fighetto’: un bar tabacchi aperto alla fine degli anni 60 e ancora fermo a quella data, con il suo arredamento un pò vecchiotto e disordinato, il Picchio non ha certo pretese di essere un gioiello di interior design. Per esempio – all’ingresso troviamo ancora il telefono a gettoni, in fondo alla sala il vecchio tavolo da biliardo è fuori uso, coperto e usato come rassegna stampa dei giornali. Il bancone in compenso è vissuto, e racconta la storia del locale perché è pieno zeppo di fototessere dei clienti di ieri e di oggi (‘il nostro facebook’, come lo chiama il signor Paolo, proprietario da sempre).

I cocktail forse non sono il suo pezzo forte, ma lo sono le birrette, gli spritz a poco prezzo, l’atmosfera semplice e l’accoglienza sempre calorosa che portano un sacco di gente (studenti,  e gente meno giovane come noi) a passare da qui di tanto in tanto, soprattutto nella bella stagione.

E allora si sta fuori sul marciapiede, in piedi, tutti attaccati a bere birre in bottiglia o nei bicchieri di plastica e ti viene voglia di chiacchierare con tutti, anche con chi, fino ad un minuto prima, non sapevi nemmeno chi fosse.

Non si può dire che sia un posto particolarmente ‘Instagrammabile’, il Picchio…ma forse questo è anche il suo bello, perché non va fotografato ma vissuto! Provare per credere.


All images © 2018 Dora Manzini & Francesco Restuccia